Efficacia di depurazione

I test pilota di Regensdorf e Losanna hanno evidenziato i seguenti risultati:

  • L’ozonizzazione elimina un ampio spettro di sostanze in traccia. Per molte di queste, l’efficacia di depurazione è > 80%.
  • Il tasso di eliminazione dipende dalla sostanza e dalla quantità di ozono. Ci sono sostanze che già a dosaggi molto bassi di ozono vengono completamente rimosse mentre altre si degradano in misura limitata anche con dosaggi molto elevati. Tra le sostanze facili da rimuovere ci sono, per esempio, le sostanze ormonali e gli antibiotici. Al contrario, sono difficili da rimuovere la maggior parte dei mezzi di contrasto a uso radiologico, alcuni biocidi o il principio attivo antidolorifico ibuprofene.
  • Con una dose di ozono di 0,7-0,9 gO3/gDOC (ca. 3-5 mgO3/l), i microinquinanti sono stati rimossi in maniera ottimale.
  • In genere, l’ozonizzazione riduce in modo significativo il numero di sostanze misurabili nonché le concentrazioni misurate di vari gruppi di sostanze.
  • Le concentrazioni misurate negli effluenti degli IDA sono inferiori agli obiettivi di qualità ecotossicologici proposti dal Centro Ecotox (Centro svizzero d’ecotossicologia applicata). In generale, si riducono gli effetti specifici, come gli effetti estrogeni e androgeni.
  • Inoltre, l’ozonizzazione rimuove ampiamente i germi patogeni e i virus dalle acque di scarico.
xeiro ag