Efficacia di depurazione

Riguardo ai microinquinanti, i filtri CAG garantiscono una buona efficacia di eliminazione e dunque concentrazioni ridotte negli effluenti. Soprattutto in un filtro a carbone attivo fresco, le concentrazioni negli effluenti della gran parte di sostanze sono molto basse e possono essere previste con un certo grado di sicurezza mediante isotermi. Per effetto delle diverse curve di rottura, l’efficacia di eliminazione dei materiali scarsamente assorbibili (per es. sulfametossazolo) diminuisce già dopo un tempo relativamente breve. All’aumentare della durata di vita del filtro, diminuisce l’efficacia di eliminazione per tutte le sostanze.

Accanto è riportato un esempio di sostanza facilmente assorbibile (metoprololo), mediamente assorbibile (carbamazepina) e scarsamente assorbibile (sulfametossazolo). Il grafico mostra che il filtro a carbone attivo, dopo 12’000 volumi di letto trattati (BVT = bed volumes treated), è saturo di sulfametossazolo. Per le altre sostanze, si osserva ancora un grado di eliminazione del 50-80%. Purtroppo, non vi sono molti risultati per un numero adeguato di sostanze, il che non permette ancora di stabilire la necessaria durata di vita del filtro con sufficiente certezza.

 

 

 

Elimination von drei Spurenstoffen in einem GAK-Filter
xeiro ag